News

Si prega di provare a utilizzare la navigazione superiore o di ricerca per l'immobile che stai cercando, grazie!

Studi di fattibilità: cosa sono e a chi servono

Studi di fattibilità

Che cosa sono gli studi di fattibilità

Lo studio di fattibilità è una fase fondamentale di qualsiasi tipo di progetto. Attraverso uno studio scientifico e sistematico delle caratteristiche tecniche e dei costi di un pre-identificato progetto, si valuta la fattibilità e la sostenibilità economico-finanziaria dell’investimento, cercando di far luce sui vari punti critici, sulle complessità e sulle eventuali incertezze determinando ogni possibile alternativa.

Perché servirsene

Avere un’idea vincente non è certo semplice, ma altrettanto difficile ne è la realizzazione. Lo studio di fattibilità ha la funzione di ridurre il più possibile il rischio di insuccesso di un progetto dandogli concretezza ed esplicitandone le condizioni che ne rendono favorevole l’attuazione fornendo tutti gli elementi necessari per l’avvio della fase realizzativa. In particolare è importante definire esattamente i benefici attesi del progetto, stimare i costi di impianto e di attività individuando e valutando i rischi del progetto in ogni sua componente.

Le fasi dello studio

Sebbene il contenuto di uno studio di fattibilità vari fortemente in base alla natura del progetto, è possibile delineare la seguente struttura di riferimento:

  • Analisi della situazione attuale: evidenzia le caratteristiche dell’idea su cui deve essere realizzato il progetto relativo allo studio di fattibilità. Parte delle informazioni richieste in queste fasi dovrebbero già essere presenti in azienda poiché elaborate durante la fase di pianificazione, è quindi necessario riutilizzarle approfondendole dove necessario.
  • Progetti di massima: consistono in una descrizione generale del progetto previsto e ne evidenziano i requisiti
  • Analisi dei rischi: Il rischio connesso a un progetto è dato dall’esistenza di eventi capaci di pregiudicare il buon esito del progetto, come ad esempio la lievitazione dei costi o l’allungamento dei tempi di lavoro. Normalmente si articola in tre punti
  1. a) Individuazione dei fattori di rischio del progetto
  2. b) Definizione del rischio di progetto: valuta sistematicamente tutti i fattori di rischio individuati e determina la classe di rischio dell’intero progetto
  3. c) Modalità di gestione del rischio: definisce una strategia e un insieme di azioni tese alla riduzione dei rischi e quindi al buon andamento del progetto.
  • Il progetto proposto: Sulla base di quanto indicato nel progetto di massima e tenendo in considerazione i risultati dell’analisi del rischio specifica la soluzione scelta indicando più in dettaglio tempi e modi di realizzazione.
  • Analisi costi benefici: l’analisi costi benefici si articola su tre punti
  1. a) valutazione dei benefici attesi
  2. b) stima dei costi
  3. c) analisi dell’investimento
  • Raccomandazioni per le fasi realizzativi: Sulla base degli approfondimenti effettuati durante tutto lo svolgimento dello studio di fattibilità presenta un insieme di indicazioni da tener presenti per risolvere o minimizzare le problematiche emerse.

Per svolgere questa attività nel migliore dei modi e per fornire ai clienti studi di fattibilità accurati, l’agenzia La Pieve s.r.l. collabora con studi di professionisti specializzati nel settore degli studi di fattibilità e di sviluppo residenziale e industriale.

Dalla bioedilizia fino al semplice affitto case, per un’operazione di riqualificazione energetica o per la stipulazione di un contratto di locazione commerciale, l’agenzia La Pieve s.r.l. è il vostro partner ideale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto